La Stampa – Kappa Futurfestival di Torino, si va verso le 30mila presenze

By maggio 7, 2019Press
L’appuntamento al Parco Dora con la musica elettronica è per sabato 6 e domenica 7 luglio

Si avvicina una nuova edizione di Kappa FuturFestival, la due giorni dedicata alla musica elettronica e arti digitali ospitata nella suggestiva cornice del Parco Dora di Torino sabato 6 e domenica 7 luglio.

Ancora una volta Movement Entertainment schiera una programmazione di grandissimo prestigio internazionale per il suo festival estivo, confermando l’altissimo livello artistico che ogni estate attrae nel capoluogo piemontese decine di migliaia di appassionati della club culture provenienti da tutto il mondo. I dati di vendita delle prevendite rivelano infatti 30.000 presenze provenienti da oltre 80 nazioni diverse, tra cui Paesi come le Isole Marshall, Swaziland e Bangladesh, mantenendo il festival nell’olimpo delle manifestazioni culturali italiane di maggiore appeal internazionale.

Da diversi anni la kermesse è diventata un punto di riferimento e di incontro per migliaia di giovani di tutto il mondo che scelgono Kappa FuturFestival per una location unica nel suo genere, il futuristico Parco Dora, e una programmazione completa di tutte sfumature della musica elettronica.

Un aspetto particolarmente interessante – una sfida artistica davvero particolare – sono i back to back di lusso che vanno ad aggiungersi in cartellone: si “sfideranno” disco su disco in console in tempo reale Gerd Janson e Prins Thomas, Motor City Drum Ensemble e Jeremy Underground, Adam Port e Reznik. Altrettanto significativa è la presenza di un’icona contemporanea come l’americana The Black Madonna, così come i colori non convenzionali del giapponese Dj Nobu o degli israeliani Red Axes.

I cileni – ma da tempo trapiantati in Europa – Ricardo Villalobos e Luciano sono una certezza, con i loro preziosi ed epici ricami tech-house così come lo è la techno del tedesco Len Faki. Ad impreziosire ulteriormente l’ultima aggiunta di una programmazione che in questo anno è davvero impressionante per ricchezza e completezza sono la classe e l’esperienza di Dubfire, i coinvolgenti e creativi live set di Capofortuna e Johannes Brecht, la freschezza e l’originalità di Haai, Destructo e dell’“eroe di casa” Lollino.

L’evento torinese si conferma tra i «most consumer friendly» festival in Italia dedicando grande importanza ai temi dell’innovazione e assicurando un facile accesso alle informazioni, pacchetti ticket+hotel a prezzi accessibili e un sistema di acquisto di biglietti semplice e veloce con Movement Ticketing System. Primo festival in Italia ad aver introdotto la tecnologia cashless che consente al pubblico di acquistare in modo semplice, veloce e senza più code estenuanti, food, beverage e merchandising attraverso l’utilizzo di una sola “card” su cui verranno accreditati i token digitali presso le numerose casse dedicate. Anche quest’anno sarà possibile riutilizzare le card rilasciate nelle ultime edizioni del festival.

Dal 2017 Kappa FuturFestival partecipa anche al progetto «Monica», nell’ambito del Programma europeo di ricerca ed innovazione Horizon 2020. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea, ha come obiettivo la sperimentazione di tecnologie che usano l’Internet of Things per facilitare la gestione della sicurezza e l’impatto acustico di grandi eventi open air. Nel consorzio formato da 28 partner provenienti da tutta Europa figurano la Città di Torino, l’Istituto Superiore Mario Boella, il Corpo di Polizia Municipale e Telecom Italia. Kappa FuturFestival è il primo sito pilota in cui sarà possibile sperimentare tutte le tecnologie della piattaforma IoT MONICA: controllo del suono, dispositivi wearable e video sorveglianza.

TRASHed Art of Recycling è un progetto di Global Inheritance che invita artisti di tutte le discipline a trasformare i bidoni della raccolta differenziata in vere e proprie opere d’arte. Nel corso degli anni oltre 1000 artisti hanno preso parte a questa iniziativa in Nord America e in Europa. Dopo essere esposte durante il festival, le opere d’arte vengono donate alle scuole torinesi al fine di sensibilizzare i giovani al riciclo. Sono aperte le selezioni dei partecipanti al progetto Art of Recycling.

Kappa FuturFestival è anche l’unico festival italiano entrato nella classifica dei top 50 festival mondiali appena pubblicata da Dj Mag Uk.

Articolo originale qui.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi